UN FERRAGOSTO DAL GUSTO SICILIANO

Quindici agosto duemilatredici. Ore 13:15. Il deserto a Milano. Da casa mia a via Procaccini, avrò incontrato, a mala pena, una ventina di persone. Che siano partiti tutti alla faccia delle solite catastrofiche previsioni giornalistiche ?

Quest’anno niente barbecue sulla spiaggia, niente invasione di terrazzi o di giardini messi a disposizione da qualche gentil amico.  Niente di tutto ciò, ma bensì la comodità di ristorante, o meglio, di una trattoria in felice compagnia di cari e importanti amici che non vedevo da un pezzo.

L’idea, devo dire vincente, è venuta ad Ornella la mamma di Marzio che ho incontrato, purtroppo, ad un triste “evento” l’ altro giorno ( ciao Walter, ciao Fenomeno ).

Visto che siamo tutti qui a Milano, decidiamo di passare insieme il Ferragosto e andiamo in una trattoria siciliana gestita da loro conoscenti.

C’ero già stato, un anno fa, e devo dire che ne vale sempre la pena. A parte le tovaglie che trovo sempre un pò troppo chic ( anche questa versione estiva ), la cucina è sempre all’ altezza della tradizione siciliana.

Un plauso anche al cordialissimo servizio, di vecchio stampo anche se giovane d’ età. Non ti danno del “LEI”  ma bensì del “VOI” come da migliore educazione e tradizione sicula.

Da valorizzare.

Il Direttore

ps. Grazie a Lisa per le foto più belle, grazie a papà Bosco per non averci spiegato la strada del ritorno …

 

Tags from the story
,

5 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *